Welcome – Working for refugee integration

Olytecma Italia premiata tra le aziende che si sono distinte per aver favorito l’occupazione dei rifugiati attraverso il conferimento del logo Welcome. Working for refugee integration.

  • Il lavoro e la formazione restituiscono dignità ed autostima a chi è stato costretto ad abbandonare il proprio paese a causa di guerre, violazioni dei diritti umani e persecuzioni ed ha scelto di ricominciare una nuova vita in Italia.
  • Attraverso il lavoro i rifugiati hanno la possibilità di rendersi indipendenti e di contribuire all’economia dei paesi che li accolgono.
  • Il Global Compact sui rifugiati chiama il mondo delle aziende a svolgere un ruolo attivo nella gestione della crisi umanitaria dei rifugiati.
  • Il settore privato in generale e le singole aziende in particolare, possono svolgere nella nostra società, adottando strategie di inclusione e di valorizzazione della diversità nei confronti di rifugiati e richiedenti asilo i cui profili corrispondano alle esigenze delle aziende stesse.
  • È sempre più necessaria la collaborazione delle imprese con i diversi attori istituzionali e non che si occupano dell’accoglienza dei beneficiari di protezione internazionale al fine di rendere possibile la realizzazione di percorsi di integrazione condivisi e partecipativi.
  • Le attività mirate all’inclusione dei rifugiati possono rappresentare un nuovo orizzonte nelle politiche di (D&I) Diversity and Inclusion e di responsabilità sociale delle aziende ed i rifugiati, con le loro competenze, possono rappresentare una risorsa per le nostre economie.
  • Il progetto Welcome – working for refugee integration è sostenuto dal Ministero del Lavoro, da Confindustria e da Global Compact Network Italia.
  • Il progetto permette alle aziende che si sono distinte nel favorire l’inserimento professionale dei rifugiati di ricevere dall’UNHCR un riconoscimento formale: un logo che le aziende stesse potranno esporre ed utilizzare nelle loro attività di comunicazione.
  • Il logo Welcome – working for refugee integration viene assegnato annualmente alle imprese che, in base alle proprie possibilità, si saranno distinte per aver effettuato nuove assunzioni di beneficiari di protezione internazionale o comunque avranno favorito il loro concreto inserimento lavorativo e sociale, ed imprese che avranno incoraggiato la nascita di attività di autoimpiego dei beneficiari di protezione internazionale.
  • Nell’arco di quattro edizioni, il progetto è cresciuto non solo in termini di partecipazione di imprese ma anche di ampiezza di intenti e finalità. Oggi Welcome – working for refugee integration non rappresenta solo un logo o un premio, ma un vero e proprio programma per un processo strutturato e partecipato di inclusione nel quale le competenze dei diversi soggetti interessati si integrano e si sostengono.
  • La quarta edizione di Welcome, nonostante il forte impatto che la pandemia da COVID-19 ha avuto su tutto il settore privato, ha confermato il forte impegno delle aziende italiane a sostegno dei rifugiati.
  • In questa edizione del progetto, l’UNHCR ha premiato 107 aziende che nel 2020- 21 hanno favorito l’inserimento lavorativo di più di 6.000 rifugiati e sostenuto il loro processo d’integrazione in Italia. Queste aziende ricevono il logo Welcome – Working for Refugee Integration, con il quale l’UNHCR certifica il loro contributo ad una società più inclusiva nei confronti di chi è stato costretto a fuggire da guerre e persecuzioni.
  • Le imprese che partecipano al progetto aiutano l’UNHCR a perseguire l’obiettivo di un modello di società inclusiva, che si adopera per prevenire e combattere xenofobia e razzismo nei confronti di chi è stato costretto ad abbandonare il proprio paese a causa di guerre, conflitti e persecuzione.
  • Il successo del progetto Welcome è la riprova del grandissimo potenziale in termine di competenze e professionalità che i rifugiati portano con se’ nei paesi che li accolgono.